Caterina Sforza (Predappio Alta 2013 e replicata nel 2015)

Spettacolo itinerante per le suggestive vie del paese, scritto da Sem Benelli, con la regia di Massimiliano Bolcioni e il coordinamento di Stefano Naldi. Protagonista della storia è Caterina Sforza, nata a Milano attorno al 1462 e andata sposa a Girolamo Riario, nipote di papa Sisto IV, Signora di Forlì e di Imola. La sua vita avventurosa e turbolenta – dalla morte del Riario al matrimonio segreto con Jacopo Feo, dall’assedio del duca Valentino alla prigionia – viene raccontata attraverso alcuni quadri scenici, ambientati in varie parti del paese: il primo si tiene ai piedi della rocca e il secondo al lavatoio; il terzo e il quarto quadro, dedicati alla vita forlivese di Caterina, sono ambientati nel torrione. Si conclude la rappresentazione all’interno della rocca stessa con Caterina a Firenze, nel Convento delle monache murate.

Commenti chiusi